venerdì 19 maggio 2017

Il registro delle Opposizioni telefoniche: Utile, ma fino a un certo punto

Da qualche tempo circola su Facebook questo post: Finalmente! … “Dopo tanto tempo sono venuto a conoscenza del numero telefonico che cercavo, intestato al Registro Pubblico delle Opposizioni… e cos’è? Pochissimi lo sanno, perchè in Italia le cose interessanti non si devono sapere!!!!!!!!!!!!! È semplicemente
il numero da contattare per bloccare la pubblicità telefonica, che per me è una ossessione, telefonano sempre nei momenti meno opportuni ad esempio quando stai pranzando o cenando e sono molto insistenti e molto spesso maleducati.

Per chi fosse interessato il numero è un numero verde gratuito 800 265 265. Fate girare perchè in molti lo cercano!!!!!!!!! COPIA E INCOLLA! Non CONDIVIDERE!!! Queste lo pubblico se vi puo servire ,un amico mi ha informato di cio ,copia e incolla non condividere !!!grazie ……

In effetti in pochi conoscono l’esistenza del Registro delle Opposizioni, ovvero un registro on line dedicato alla regolamentazione del telemarketing. Sulla home page del sito si legge:
Il Registro Pubblico delle Opposizioni è un nuovo servizio concepito a tutela del cittadino, il cui numero è presente negli elenchi telefonici pubblici, che decide di non voler più ricevere telefonate per scopi commerciali o di ricerche di mercato e, in pari tempo, è uno strumento per rendere più competitivo, dinamico e trasparente il mercato tra gli Operatori di marketing telefonico.
L’iscrizione a questo registro è gratuita per tutti gli abbonati ad un utenza telefonica e dovrebbe permettere una volta iscritti, di non ricevere più le fastidiose telefonate da parte dei vari call center che cercano di convincerci a cambiare operatore o tentano di vederci qualunque cosa.
Ci si può iscrivere al Registro delle Opposizioni in vari modi:
L’Abbonato può accedere al servizio tramite cinque modalità: modulo elettronico sul sito web, posta elettronica, telefonata, lettera raccomandata, e fax.

“Dovrebbe permettere” perché in realtà la solo iscrizione a questo registro non basta.
Molti utenti iscritti al registro ci segnalano di continuare a ricevere ugualmente telefonate da parte dei Call Center. Possono farlo? Purtroppo si e siamo stati noi ad autorizzarli senza saperlo.
Ogni volta che compiliamo il modello per richiedere una scheda punti dal benzinaio o una carta fedeltà in un negozio, richiediamo un finanziamento, apriamo un conto corrente, ecc ci viene richiesto di inserire il nostro recapito telefonico e di firmare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.

Dal momento in cui apponiamo quella firma la nostra iscrizione al Registro delle Opposizioni non ha più valore in quanto non solo autorizziamo l’azienda che ci sta offrendo quel servizio a contattarci telefonicamente per proporci offerte commerciali, ma la autorizziamo a cedere i nostri dati personali a terzi per lo stesso utilizzo. Quei terzi sono i famigerati Call Center.

Da molti anni le grandi aziende hanno imparato a ricavare profitto attraverso la vendita dei dati sensibili dei loro clienti ed attraverso quel nostro consenso il tutto avviene in maniera legale.

L’unico modo per limitare questo tipo di pratica al limite della violazione della privacy è quello di fare bene attenzione al momento della compilazione di questi moduli che vi sia esplicitamente indicato che i nostri dati non saranno ceduti a terzi e che il loro trattamento rispetti le linee guida previste dal GARANTE DELLA PRIVACY, contenute in questo articolo.

Nessun commento:

Posta un commento