giovedì 13 aprile 2017

Sganciata la più potente bomba non atomica mai usata contro l'Isis -Video

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno sganciato una bomba sull'Afghanistan orientale, nella zona di Nangarhar, con l'obiettivo di colpire l'Isis. Si tratterebbe di una cosiddetta bomba MOAB (la sigla significa 'Massive ordnance air blast', ma è stata ribattezzata mother of all bombs -madre di tutte le bombe), che pesa quasi 10 tonnellate e ha la forza di distruggere tutto nel raggio di centinaia di metri.
Sarebbe la prima volta che viene utilizzata in combattimento. Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ha confermato in apertura del briefing quotidiano che gli Stati Uniti hanno colpito l'Afghanistan sganciando una bomba mirata a colpire "tunnel e grotte usate dai miliziani dell'Isis". Spicer ha quindi sottolineato che nell'azione "sono state prese tutte le precauzioni per evitare vittime civili e danni collaterali", rimandando poi al Pentagono per ulteriori dettagli.

In questo video, che risale al 2008, l'esplosione di una GBU-43/B Massive Ordnance Air Blast bomb (MOAB), la più potente bomba non nucleare esistente al mondo. L'esercito Usa ha annunciato di averla sganciata, per la proma volta in combattimento, in Afghanistan nel distretto di Achin, nella provincia di Nangarhar, per colpire tunnel dell'Isis






Nessun commento:

Posta un commento